Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

SPID: Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale

Entro la fine del 2017, le pubbliche amministrazioni italiane dovranno consentire l’accesso a propri portali telematici per la fornitura di servizi unicamente previa autenticazione dell’utente tramite il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale SPID oppure mediante Carta d’Identità Elettronica CIE o Carta Nazionale dei Servizi CNS.

Lo SPID si configura come un nuovo sistema di log-in che permette a cittadini e ad imprese di accedere con un’unica identità digitale, da molteplici dispositivi, a tutti i servizi on-line di pubbliche amministrazioni ed imprese aderenti. Ad oggi, sono circa 3.600 le amministrazioni pubbliche attive e oltre 110.000 gli utenti dotati di SPID; si prevede che molti fornitori di servizi privati – tra i quali in particolare le banche – adotteranno anch’essi lo SPID quale sistema unico di autenticazione.

La registrazione e le credenziali SPID vengono forniti a cittadini e imprese, per conto delle pubbliche amministrazioni, da soggetti pubblici e privati (i c.d. “identity provider”) previo accreditamento di questi ultimi da parte dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e nel rispetto delle regole emesse dall’Agenzia. Per ottenere un’identità SPID, l’utente deve farne richiesta a un identity provider mediante la pagina web www.spid.gov.it. L’identità SPID sarà gratuita per due anni a partire dalla data di attivazione. La politica tariffaria per il periodo successivo è in fase di definizione da parte di AgID insieme agli identity provider.

Anche il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dovrà adeguare al sistema SPID il proprio portale dei Servizi Consolari Online Se.Co.Li (https://serviziconsolarionline.esteri.it/ScoFE/index.sco), attualmente attivo in tutta la rete per servizi informativi ai connazionali residenti all’estero e, in alcune sedi pilota, per il servizio d’iscrizione all’AIRE. Entro la fine del 2017, i connazionali all’estero potranno accedere alla piattaforma Se.Co.Li. solo se dotati di CIE, CNS o SPID.
Tutte le informazioni per l’uso dello SPID si trovano alla pagina www.spid.gov.it